Neve in Trentino, tutte le strade chiuse

Fino alle ore centrali di mercoledì 13 novembre sono previsti da 3 a 4 cm di neve

Neve a Povo

Dopo che le previsioni del tempo per la seconda settimana di novembre hanno annunciato nevicate anche a bassa quota, la Protezione Civile del Trentino ha diramato un allerta meteo: "Fino alle ore centrali di domani (13 novembre, ndr) sono previsti 30 – 40 mm di precipitazione con limite delle nevicate in abbassamento fino a quote medio-basse; venti moderati o forti prevalentemente da nord", si legge in una nota. Per chi si mette alla guida il consiglio è prestare la massima attenzione per evitare il rischio incidenti. Obbligatori gli pneumatici invernali. "Si raccomanda - scrive la Pat - di viaggiare con prudenza e di prestare attenzione nella guida per possibili tratti ghiacciati, in considerazione delle temperature relativamente rigide, soprattutto nelle zone a quote superiori a 700 – 1000 metri, dove sono in attività i mezzi per lo sgombero neve per completare la pulizia delle strade e l’allargamento della carreggiata anche con l’impiego di frese o turbine da neve".

"Attorno ai 1000 m di quota - annota la protezione civile - sono attesi mediamente 20 – 40 cm di neve. Spessori più modesti potrebbero interessare nella mattinata di domani anche territori decisamente più bassi in relazione all’intensificazione locale dei fenomeni; è quindi possibile che la neve raggiunga il fondovalle in Valsugana o addirittura, con minor probabilità, in Valle dell’Adige".

"Tra mercoledì pomeriggio e giovedì sera esaurimento delle precipitazioni e schiarite ad iniziare da Ovest - conclude l'allerta meteo - nella mattinata di giovedì calo delle temperatura con probabili gelate diffuse. Da giovedì sera e per tutta la la giornata di venerdì precipitazioni intense e diffuse, anche nevose; sabato temporaneo miglioramento e domenica ulteriori precipitazioni".

Interventi dei vigili del fuoco e viabilità

Diversi gli interventi dei pompieri a causa delle nevicate: la strada provinciale 3 del Monte Baldo è stata chiusa per vento e neve in località San Valentino, così come la strada provinciale della Borcola, inaccesibile tra Incapo e Passo Borcola, mentre la sp 25 è stata chiusa per pericolo smottamenti e caduta alberi da Garniga Vecchia fino alle Viote. Stessa situazione anche sulla sp 85 del Bondone, in località Lagolo, e anche sulla sp 224 del Redebus in direzione Palù del Fersina e sulla provinciale 8 in località Bedollo.

Viaggiare in Trentino evidenzia disagi alla viabilità anche lungo la ss 350 di Folgaria e della val d'Astico, dove ci sono code in direzione di Vicenza, in località Laste Basse ed in località Peneri, nel comune di Folgaria a causa di un camion rimasto bloccato per la neve. Traffico anche sulla ss 45 bis della Gardesana occidentale, con code in direzione di Trento alla galleria Montevideo a causa di un incidente. Chiusa per caduta piante anche la sp 64 di Fai in entrambe le direzioni da località Santel ad Andalo per pericolo caduta piante.

Piano neve

Per far fronte alle precipitazioni in arrivo verrà messo in atto il 'Piano neve', che prevede l'utilizzo e l'intervento, in caso di bisogno, di 138 mezzi della Provincia e di circa 200 di proprietà privata, di 237 uomini dipendenti provinciali e circa 200 privati, di 112 webcam e 40 pannelli a messaggio variabili. 

L'acquisto di sale, invece, ogni anno prevede una spesa di circa 1,5 milioni di euro di un anno. Mentre in caso di necessità verranno attivati 21 presidi con compiti di informazione e supporto lungo le arterie più sensibili dal punto di vista della viabilità.

Tutte le strade chiuse: il bollettino della Pat del 13 novembre

Strade sett. 1 – ALTA VALSUGANA

Anche in questa zona le nevicate sono state oltre i 700 m, raggiungendo in quota 30-40 cm.

È chiusa la SP 224 del Passo Redebus nel comune di Bedollo, per pericolo caduta piante.

Strade sett. 4 – TRENTO - MONTE BONDONE - PAGANELLA

La neve è caduta a monte di loc. Candriai. In loc Viote si registrano circa 50 cm di neve.

Sono chiuse, per pericolo caduta piante:

la SP 25 di Garniga da Garniga Vecchia a loc. Viote;

la SP 64 di Fai da loc. Santel ad Andalo.

Strade sett. 8 - VALLAGARINA E ALTOPIANO DI FOLGARIA

La neve è caduta a partire da 700 m e nelle località in quota lo spessore è circa 30-40 cm.

E’ stata disposta la chiusura stagionale delle seguenti strade:

Sp 3 del Monte Baldo da loc. san Valentino al confine con la provincia di Verona;

Sp 138 del Passo della Borcola dal km 5 a monte di loc. Incapo.

Strade sett. 5 – VAL DI NON E SOLE

La nevicata ha interessato l’intera val di Sole, la media e l’alta Val di Non (a quote superiori a 500-600 metri).

Dalla mattina di oggi è attivo il presidio di Presson in comune di Dimaro Folgarida lungo la S.S. 42, per il controllo che i veicoli in transito lungo le strade dell’Alta val di Sole siano equipaggiate con attrezzatura invernale (pneumatici da neve o catene montate).

Da ieri è in vigore il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della S.S. 42 tra Fucine e P. Tonale.

Al momento è chiusa, per consentire la messa in sicurezza dal pericolo di caduta piante, la S.P. 141 di Bolentina.

Nelle zone boscate a quota tra 900 e 1200 m, sono in corso verifiche ed interventi puntuali per la messa in sicurezza gli alberi di alto fusto prossimi alla sede stradale, carichi di neve.

Da ieri sera sono caduti circa 70 cm a Passo Tonale; 50 cm a Passo Campo Carlo Magno, 40 cm a Passo Mendola, 20-30 cm a quota 1000 m.

Strade sett. 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

La nevicata ha interessato gran parte della val Rendena e le valli Giudicarie a quote superiori ai 600 -700 metri.

Non si registrano problemi alla viabilità.

Da ieri sera sono caduti circa 50 cm a M. di Campiglio.

Al momento sono ancora in azione i mezzi per lo sgombero neve a quote superiori a circa 1000 metri e, nella zona di M. di Campiglio anche le frese per completare l’allargamento della carreggiata.

Strade sett. 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA  

La nevicata ha interessato la valle dei Laghi, la val di Ledro, la val di Gresta e la valle di Cavedine a quote superiori a 700-800 metri.

Nelle prime ore del mattino si è registrata la temporanea chiusura della S.P. 85 del Bondone a monte di Lagolo, per la caduta di rami o alberi piegati dal peso della neve.

Si misurano fino a 60 cm di neve fresca in loc. Viote del Bondone, 20 cm sui Passi Bordala e S. Barbara.

Al momento non si segnalano particolari criticità lungo le strade del settore.

Strade sett. 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Non si registrano particolari disagi alla viabilità. Passo Rolle 40 cm di neve, Passo Brocon 15 cm di neve.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Si rammenta la chiusura stagionale della S.P.31 del Passo Manghen da località Baessa (km  15+500) a località Piazzol a Molina di Fiemme nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 38+520).

Strade sett. 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Neve sui passi circa 60 cm, nelle valli ai 25-30 cm.

Chiuso il Passo Pordoi in territorio bellunese e passo Sella nella provincia di Bolzano, entrambi raggiungibili dal territorio trentino.

Chiuso il passo Fedaia nel tratto ricompreso tra il confine di provincia e la località Diga (km 11+500) per pericolo valanghe. Le stazioni turistiche presenti al passo sul territorio trentino sono comunque raggiungibili da Canazei.

Chiusa la SP 102 delle piramidi per pericolo caduta massi.

Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croce Bianca di Trento piange Silvio Maestrelli: la triste scomparsa del ragazzo

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • La leggenda di Santa Lucia, "collega" di Babbo Natale

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

Torna su
TrentoToday è in caricamento