Morti sul lavoro, in Trentino sono più del doppio dell'anno scorso

Un presidio di protesta ha visto i sindacati in piazza Dante davanti ai palazzi della Provincia e della Regione

Sindacati in piazza Dante

Nel corso del 2019 le morti sul lavoro sono più che raddoppiate in Trentino. Questo il dato che nella giornata di giovedì 28 novembre i sindacati hanno voluto sottoporre ai consiglieri provinciali: un presidio si è raccolto in piazza Dante davanti ai palazzi della Provincia e della Regione. 

A partecipare alla manifestazione i sindacati Cgil, Cisl e Uil. Una delegazione dei manifestanti è stata poi ricevuta dal presidente della Regione, Walter Kaswalder.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della mobilitazione la sindacalista Manuela Faggioni ha dichiarato che servono più risorse dal bilancio provinciale per consentire maggiori controlli nei posti di lavoro e più formazione dei lavoratori. L'Ispettorato del lavoro conta 30 addetti in tutto, necessari quindi più ispettori Uopsal, per una fitta azione preventiva.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Casting a Trento per un nuovo film: si cercano comparse esili o dal 'volto antico'

  • Casa gratis in cambio di volontariato: ecco il bando

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Dramma in montagna: manda le foto al marito poi scompare, trovata senza vita

  • Tensione tra dipendenti e la coordinatrice nella casa di riposo: 'la rossa della val di Rabbi' già travolta da uno scandalo in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento