Krampus: la leggenda dei "diavoli" di san Nicolò

Una tradizione ancora viva nell'arco alpino ed in Trentino: nel giorno in cui si celebra san Nicola di Bari figuranti vestiti da demoni terrorizzano grandi e piccini

La festività di San Nicolò o San Nichlaus, il 5 dicembre, è celebrata ancora oggi in diverse vallate trentine, oltre che in quasi tutti i paesi dell'Alto Adige. A testimonianza del legame culturale con altre zone germanofone dell'arco alpino, i veri protagonisti della festa sono i krampus, delle figure diaboliche che seminano il panico tra la folla, composta da grandi e piccini, con fruste, scope e torce infuocate.

Quella dei krampus è una tradizione radicata in varie zone dell'ex Impero Austro-ungarico, dalla Baviera all'Ungheria, passando per il Friuli Venezia Giulia e la regione dolomitica. Al giorno d'oggi si è perso il legame, se non quello della data, con il vescovo di Myra, san Nicola di Bari, che a volte non appare nemmeno nelle celebrazioni. Tuttavia c'è una leggenda che fa risalire la nascita dei krampus ad un episodio che vede come protagonista proprio il santo bizantino. 

Curiosità trentine: forse non tutti sanno che...

Si narra che in un paese alpino, in un anno di carestia, le famiglie di contadini non avessero di che dar da mangiare ai propri figli. I bambini decisero allora di organizzare una sortita in un villaggio vicino, con l'intento di depredarne le cantine. Per non farsi riconoscere, ma anche per incutere paura ed esser certi di poter agire indisturbati, si travestirono da diavoli con le corna e le pelli delle ultime capre macellate in paese prima della carestia.

Durante la scorribanda nessuno, per nessun motivo, avrebbe potuto togliersi la maschera. E così fecero: solamente una volta tornati in prossimità del villaggio con il bottino si ritrovarono per calare la maschera e contare quante provviste erano riusciti a rubare. C'era però uno di loro che non riusciva proprio a togliersi la maschera. Tutti corsero impauriti al villaggio per dare  la terribile notizia.

Non poteva che essere Belzebù in persona: i genitori, una volta udito il racconto dei bambini spaventati, mandarono a chiamare il vescovo Nicolò, per esorcizzare il villaggio dalla presenza del maligno. In mezzo ai bambini, nuovamente mascherati, san Nicolò riconobbe tra loro il diavolo: aveva dei veri zoccoli di capra al posto dei piedi. Una volta scacciato il demone i bambini, ancora vestiti da diavoli, si misero a danzare accompagnando il vescovo Nicolò per le strade del villaggio liberato.

Ecco perchè, ancora oggi, è considerato un tabù (ed un gesto di forte malaugurio) togliere la maschera ad un krampus: non si può mai sapere chi si celi dietro la maschera da caprone. Magari il diavolo stesso!

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

  • Falena gigante sul balcone di una nostra lettrice: ecco di che specie si tratta, la spiegazione del Muse

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento