Disastro ferroviario, morti due macchinisti: sciopero dei treni anche in Trentino

Sciopero in solidarietà con le vittime del tragico incidente ferroviario

Due ore di sciopero anche in Trentino, per dire ancora una volta che "non si può morire di lavoro". Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Fast e ORSA hanno proclamato due ore di sciopero, dalle 12 alle 14 di venerdì 7 febbraio per tutto il personale delle ferrovie dopo il drammatico incidente ferroviario in cui hanno perso la vita due macchinisti a Lodi.

Parteciperà tutto il personale RFI, delle imprese ferroviarie che svolgono servizio di trasporto passeggeri e merci e delle società che svolgono servizi in appalto a bordo treno quali pulizia, servizi di ristorazione e accompagnamento treni notte. 

Disastro ferroviario a Lodi: ecco cos'è successo

"Alla mobilitazione aderiscono anche i lavoratori che operano in Trentino, ad eccezione dei dipendenti di Trentino Trasporti che operano sulla tratta della Valsugana che non possono partecipare per questioni contrattuali, ma esprimono comunque piena e totale solidarietà alle famiglie delle vittime - spiegano Filt Cgil del Trentino ribadendo la totale vicinanza ai familiari delle vittime - Si vuole ribadire ancora una volta l’importanza della sicurezza delle linee ferroviarie e dei mezzi che vi circolano. Da anni ormai poniamo al centro dell’attenzione tale tematica, tanto da aver già condotto e programmato incontri tecnici con rete ferroviaria italiana riguardante la sicurezza delle linee frequentate dai lavoratori e utenti della nostra provincia”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento