Dopo l'incidente lasciano il paraurti a bordo strada: multa per abbandono rifiuti

Dopo l'incidente, non grave, hanno ben pensato di lasciare sul posto il paraurti avendo cura di rimuovere la targa

Oltre al danno.. la sanzione. E' stato sanzionato per abbandono di rifiuti dalla Polizia Locale delle Giudicarie l'automobilista che, dopo un incidente non grave avvenuto nei giorni scorsi in Val Rendena, ha pensato bene di abbandonare il paraurti dell'auto a bordo strada.

Gli agenti sono riusciti a risalire al proprietario dell'auto grazie a non facili indagini condotte analizzando le immagini delle telecamere di videosorveglianza sul territorio comunale. L'automobilista infatti, accortosi che il paraurti era ormai irrimediabilmente danneggiato, ha avuto cura di rimuovere la targa prima di abbandonarlo in un prato lungo la strada.

Le videocamere però hanno ripreso l'auto in momenti diversi, prima con la targa e poi senza, in modo da fornire alla Polizia Locale i riscontri necessari per incastrare l'indisciplinato automobilista che oltre al conto del carrozziere dovrà anche pagare una salata multa al Comune di Porte Rendena. 

Si tratta certo di un caso particolare di abbandono rifiuti, tema sul quale la Polizia locale delle Giudicarie è molto attiva: pochi giorni prima grazie alla collaborazione dei custodi forestali del Bleggio Superiore gli agenti hanno identificato e sanzionato un automobilista che ha lanciato rifiuti dal veicolo in movimento: sanzione da 108 a 434 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Campiglio, drammatico incidente sugli sci: gravissima una ragazza di 25 anni

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento