Incendio a Vigo Meano: c'è la raccolta fondi per le famiglie che hanno perso la casa

Solidarietà di tutta la comunità per le trenta persone evacuate, conto corrente aperto a chiunque voglia donare

Il furioso incendio a Vigo Meano

Un conto corrente per aiutare le famiglie che hanno perso la casa nell'incendio dei giorni scorsi a Vigo Meano. Questa l'iniziativa messa in campo dalla comunità collinare di Trento, in prima fila i Vigili del Fuoco volontari del paese, che ha ricevuto il supporto del Comune.

Spesso in questi casi oltre la notizia di cronaca rimane la solidarietà, silenziosa, della comunità. Il conto corrente, però, è naturalmente aperto a chiunque voglia donare anche solo una piccola somma. 

Tre gli appartamenti distrutti, ed altri parzialmente danneggiati, nell'incendio scoppiato nella mattinata di sabato 11 gennaio, in una casa storica nel centro del paese. Trenta le persone che non hanno più potuto fare ritorno a casa. Uscite in fretta e furia dalle proprie abitazioni, hanno trovato ospitalità da amici e parenti. 

Un anziano ha riportato i sintomi di una sospetta intossicazione da fumo. E' stato curato in ospedale ed ora sta bene. Fortunatamente nessun altro ha riportato conseguenze fisiche. I danni però, cme detto, sno ingenti.

Nel comunicato del Comune di Trento sono riportati i dati per effettuare la donazione: "Per chi volesse partecipare a quest’importante iniziativa di solidarietà, ecco i riferimenti: c.c. Cassa rurale di Trento IBAN: IT 75 R 08304 01817 000016386733".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020: in Trentino due tappe fondamentali, ed un passo inedito

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Gardaland: apre il parco acquatico Lego, ecco come sarà

  • Vino DOC contraffatto: perquisizioni in Trentino, blitz all'alba e sette arresti

  • Padre e figlio bracconieri denunciati in Val di Sole: stavano decapitando un cervo

  • Tragedia a Villazzano: anziana muore intrappolata nell'incendio

Torna su
TrentoToday è in caricamento