'Un custode per il quartiere': a Trento arriva il presidio di guardie giurate armate e a piedi

La sperimentazione prevede che lavorino otto ore al giorno per cinque giorni su sette. Il progetto durerà un anno

Guardie giurate in città (foto da cittadinidellordine.com)

Si chiama 'Un custode per il quartiere' ed è il progetto che a partire da lunedì 8 luglio proporrà in via sperimentale un presidio straordinario di guardie giurate in alcune zone considerate 'sensibili' di Trento. Protagonista dell'iniziativa sarà l'istituto di vigilanza privata 'Cittadini dell'ordine'.

Il progetto sperimentale durerà un anno e prevederà l'impiego di guardie giurate armate e a piedi per otto ore al giorno, tra le 15 e le 23, per cinque giorni alla settimana. L'iniziativa, finanziata dalla Pat con 50mila euro, interesserà l'area compresa tra via Torre Vanga, via Pozzo, via delle Orfane, piazza Santa Maria Maggiore, via Santa Margherita, via Tommaso Gar e piazza Da Vinci (zona 1) e di quella tra Largo Carducci, via Santa Maria Maddalena, vicolo Santa Maria Maddalena, via Dietro le Mura, via dei Ventuno, via Marchetti, parco San Marco, vicolo San Marco, via San Marco, vicolo della Mostra, piazza Mostra, passaggio Osele, via Suffragio e via San Pietro (zona 2).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Il treno Bolzano-Milano è realtà: Frecciarossa dal 15 dicembre

  • Il Rifugio Altissimo si trasforma in una statua di ghiaccio: le immagini impressionanti

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento