Il Tirolo chiede la grazia per tre terroristi altoatesini

Il governatore tirolese si rivolge a Mattarella in occasione del centenario del Trattato di Saint Germain: grazia per Heinrich Oberleiter, Siegfried Steger e Sepp Forer

Heinrich Oberleiter in Austria, dove vive dalla metà degli anni '60

Grazia per i tre "bravi ragazzi della Valle Aurina" negli anni '60: Heinrich Oberleiter, Siegfried Steger e Sepp Forer. Lo scrive il Tiroler Tageszeitung riprendendo una dichiarazione del governatore tirolese Günther Platter rilasciata in occasione delle celebrazioni per i 100 anni dell'accordo di Saint Germain che all'indomani della Prima Guerra Mondiale consegnò l'Alto Adige all'Italia fissando il confine al Brennero. 

Un confine ovviamente disconosciuto dal gruppo di sudtirolesi che a metà degli anni '60 mise a segno una serie di attentati dinamitardi contro locali frequentati da italiani, convogli ferroviari e sedi delle forze dell'ordine. A loro carifo anche l'accusa della morte di un carabiniere.. Episodi ai quali seguirono una serie di condanne all'ergastolo, tutte in contimacia visto che i tre vivono da allora in Austria ed in Germania.

La loro storia è tornata agli onori delle cronache l'anno scorso quando è stata chiesta al presidente Mattarella la grazia per Oberleiter, richiesta supportata dal presidente austriaco Van Der Bellen. La Procura generale di Brescia, città dove fu emessa l'ultima condanna a carico del terrorista nel '76, ha dato parere positivo. 

Ora il governatore tirolese chiede all'Italia che la stessa strada sia seguita anche per gli altri due latitanti. "Una gesto che avrebbe una valenza simbolica di pacificazione - ha detto - oltre che di serenità per i tre anziani". Che potrebbero, così, tornare da uomini liberi in Italia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto precipita nella scarpata: morta ragazza di 18 anni

  • Alla guida completamente ubriaca provoca incidente davanti ai carabinieri

  • Scivola e precipita in un dirupo: donna muore sotto gli occhi del marito

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Boscaiolo morto a Tione: è Paolo Valenti, papà di tre figli ed ex calciatore

Torna su
TrentoToday è in caricamento