Uccise un gallo cedrone a racchettate, assolto: era legittima difesa

Stava sciando in compagnia del figlio quando un gallo cedrone è sbucato dal bosco e li ha attaccati

Uccise un gallo cedrone a colpi da sci. A distanza di quasi un anno dal fatto è stato assolto. Il motivo? Legittima difesa. L'uomo, un cinquantenne trentino di Borgo Valsugana, è stato assolto dal Tribunale di Bolzano. Il fatto è avvenuto in Val Gardena nell'aprile 2019, nella zona del Monte Pana. L'uomo stava sciando in compagnia del figlio quando un grosso maschio di gallo cedrone era sbucato dal bosco all'improvviso attaccandoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cinquantenne si è quindi trovato in una situazione di potenziale pericolo, ed ha menato alcuni colpi con le racchette da sci. L'animale è rimasto a terra, agonizzante ed in seguito è morto. Nel frattempo altri sciatori avevano notato la scena, l'uomo era stato segnalato alla forestale, che lo aveva denunciato per uccisione di specie protetta. Il giudice, ora, ha accolto la giustificazione della "legittima difesa" scagionando l'uomo da ogni accusa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Dramma a Torbole: stagionale muore a 23 anni da solo a casa. Effettuato il tampone: negativo

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Coronavirus: altri 7 decessi in Trentino. Nuova restrizione: "Non si esce dal Comune in cui ci si trova"

Torna su
TrentoToday è in caricamento