Uccidono femmina e cucciolo di capriolo: revocata la licenza di caccia

Bracconieri sorpresi in un fienile a macellare una femmina di capriolo ed il suo cucciolo

C'è anche un cacciatore trentino tra i sette denunciati a Capovalle, in provincia di Brescia, per un triste episodio di bracconaggio. Il gruppo è stato sorpreso in un fienile mentre macellava, lontano da occhi indiscreti, una femmina di capriolo ed il suo cucciolo, cosa di per sè fuori norma. Ad aggravare la posizione dei sette sono le munizioni utilizzate per la battuta di caccia, anch'esse vietate. La polizia locale brsciana ha segnalato il fatto alla Questura, che ha aperto un'istruttoria, revocando sei licenzze, mentre ad uno dei sette il permesso di caccia è stato solamente sospeso.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento