Colf e badanti evadono il fisco per circa due milioni di euro: scoperte dalle fiamme gialle

Le collaboratrici domestiche e le assistenti familiari avevano omesso di dichiarare i redditi dei cinque anni precedenti. Ciascuna aveva evaso circa 10mila euro all'anno

Immagine repertorio

I controlli della guardia di finanza di Trento hanno scoperto un'evasione fiscale di un milione e 847.954 euro in due anni. È accaduto in val di Non e Sole, dove colf e badanti avevano omesso di dichiarare i redditi degli anni precedenti.

In particolare nel giro di due anni una quarantina di collaboratrici domestiche e assistenti familiari, per la maggioranza provenienti dall'Est europeo, non avevano dichiarato i guadagni ottenuti lavorando soprattutto nelle valli di Non e di Sole. Circa due i milioni di euro evasi.

Le fiamme gialle della tenenza di Cles avevano iniziato le prime verifiche all'inizio del 2017, trovando tredici collaboratrici domestiche, in prevalenza moldave e rumene, che avevano omesso di dichiarare 482.526 euro nei cinque anni precedenti. Il numero di badanti evaditrici è cresciuto nel 2018 a 15, per un totale di 768.746,00 euro evasi, mentre per il 2019 sono già state segnalate dieci collaboratrici, anche in questo caso prevalentemente rumene e moldave, che hanno evaso 596.682,00 euro.

In totale bandanti e colf hanno evaso un milione e 847.954,00 euro. In media, nell'arco di circa cinque anni, ognuna delle lavoratrici sottoposte ai controlli ha omesso di dichiarare circa 10mila euro all'anno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Lago di Garda, ecco il progetto della prima pista ciclabile subacquea del mondo

  • Trento, contrabbandano benzina: arrestati in dieci

Torna su
TrentoToday è in caricamento