Cani antidroga sui treni tra Trento e Bolzano

Controlli di Polfer e Guardia di Finanza per reprimere il traffico di stupefacenti anche sui treni

Polizia ferroviaria e Guardia di Finanza, con unità cinoile, sui treni tra Trento e Bolzano: 121 persone controllate ed una modica uantità di stupefacente ritrovata tra i sdili. Questo il bilancio di una serie di controlli mirati  messi  in campo dalle Questure di Trento e Bolzano. La droga è stata probabilmente abbandonata da uno spacciatore che si è visto "braccato" sul treno oggetto di controlli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’apparente disagio causato dalla presenza dei cani antidroga e dal personale operante in spazi relativamente ristretti, si è rilevato al contrario un momento di vicinanza con i passeggeri che hanno apprezzato l’attività svolta spronando gli operatori ad eseguire ulteriori controlli, poiché consapevoli della condizione di sicurezza che le forze di Polizia garantiscono anche con la loro mera presenza" scrive il Questore di Trento Massimo D'Ambrosio. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento