Valanghe, il Soccorso Alpino: "Nei primi 15 minuti la possibilità di salvarsi è del 90%"

Fondamentali la rapidità d'azione dei compagni, o di eventuali altri sciatoi presenti. Occorre però averel'equipaggiamento giusto e saperlo usare

La valanga, purtroppo, è un fenomeno naturale che si rivela spesso mortale per  gli scialpinisti e gli escursionisti che si trovano nel posto sbagliato al momento sbagliato. ma le possibilità di salvarsi, anche nel caso in cui si finisca completamente sommersi, ci sono. Questione di minuti: "le possibilità di sopravvivere dopo essere stati travolti sono molto elevate, fino al 90%, se l'intervento di soccorso è effettuato entro 15 minuti. Oltre tale soglia le probabilità scendono drasticamente" assicura il soccorso alpino. 

Il cosiddetto autosoccorso può dunque salvare la vita. Di primaria importanza sono, come scrive in una nota il Soccorso Alpino Trentono "l'equipaggiamento completo, e una buona capacità di eseguire le fasi di  ricerca, sondaggio e scavo". Il ruolo dei compagni di escursione, o anche di altri sciatori che si trovino in zona,  è fondamentale. Tutte le informazioni sull'uso di sonda e A.R.T.Va sono disponibili nel vademecum pubblicato sul sito del Soccorso Alpino:  clicca qui...

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento