A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

Riconosciuto da pochi fotogrammi e condannato: 4 mesi di reclusione, 4.000 euro e un anno senza patente

Corse in auto, o in moto, che finiscono su youtube, imortalate da telecamere fisse che riprendono la strada ed il tachigrafo. Il fenomeno non è nuovo, ma questa volta il colpevole è stato condannato: la telecamera, infatti, ha immortalato per qualche secondo il volto del conducente. La notizia è riportata dall'Ansa regionale.

Pochi fotogrammi, il volto riflesso sul parabrezza: tanto è bastato ai Ris di Parma per ricostruire l'identikit del pirata della strada, identificato e condannato dal Tribunale di Bolzano. La folle corse è infatti avvenuta sul renon, la montagna che sovrasta la città altoatesina: 8 minuti e mezzo per percorrere la strada del passo a tutta velocità, con punte di 140 km/h.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Moto: limite dei 60 km/h sui passi dolomitici

Il giovane, 25enne, è stato condannato ad una pena di 4 mesi in base all'articolo del Codice della Strada che vieta le competizioni su strade pubbliche. Oltre alla condana è scattata la sospensione della patente per un anno, una multa da 4.000 euro ed il sequestro dell'auto, una Seat Leon.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento