Il canile dei volontari di Rovereto destinato alla chiusura: mancano luce ed acqua

Dopo l'inaugurazione, qualche anno fa, del canile comunale quello gestito dai volontari Pan Eppaa risulta "obsoleto" e sembra essere destinato alla chiusura

E' stato il primo canile gestito da volontari in Trentino, ma dopo trent'anni di attività sembra ormai destinato alla ciusura. Il Comune di Rovereto ha infatti annunciato, pur riconoscendone l'importante servizio svolto in questi decenni, di effettuare le verifiche necessarie per stabilire se il canile dell'associazione Pan Eppaa ha i requisiti stabiliti dalla legge vigente, oppure no.

Il canile sorge su un'area privata in via delle Zigherane, senza acqua nè elettricità. E' interamente gestito dai volontari dell'associazione, fondata nel 1986, che si occupa anche dei tre gattili presenti a Rovereto, Riva del Garda e Trento. A Rovereto, però, da qualche anno è stato inaugurato il canile comunale, affidato ad un'altra associazione, la Arcadia onlus.

L'associazione Pan Eppaa ha depositato in Comune un piano di riqualificazione. Il documento sarà ora analizzato per capire se gli interventi previsti possano colmanre le attuali lacune della struttura. Da decidere anche la destinazione dei cani ospitati in via delle Zigherane, dato che il canile comunale risulta già al massimo della capacità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • Violenza sessuale, chiuso il bar H/àkka/. Lo staff: "Profondamente feriti, valuteremo se proseguire"

  • Tenta suicidarsi accoltellandosi ma poi 'si pente' e chiama i soccorsi: grave 26enne

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Coronavirus: chiuse scuole, asili e Università

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento