Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Dagli immigrati al 5G, dall'aglio miracoloso all'ormai celebre tazza di tè: ecco le bufale "virali"

Tagliarsi la barba può evitare il contagio. Il coronavirus rende sterili. Le zanzare diffondono la pandemia. Nulla di più falso, ovviamente: sono solo tre delle tante bufale che quotidianamente circolano sui social network e soprattutto su Whatsapp in questi giorni di psicosi, e che puntualmente vengono smentite dall'Istituto Superiore della Sanità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus: tutte le bufale

Un fenomeno dilagante e preoccupante, tanto da spingere l'ISS, che in questi giorni ha sicuramente ben altro da fare, ad aprire una pagina web dedicata alle frottole "virali", è proprio il caso di dirlo, che circolano in rete. Ce n'è per tutti: dall'aglio miracoloso all'ormai famoso tè (ripreso anche in un video dall'onorevole Vittorio Sgarbi) che uccide il virus, passando per presunte correlazioni con la rete 5G e con il tema intramontabile della disinformazione italiana: l'immigrazione. Ecco le bufale smascherate dall'Istituto Superiore della Sanità

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento