Bimbo "fantasma" perchè figlio di due madri: le precisazioni del Comune

Sulla vicenda interviene il Sindaco, precisando che "non si tratta di posizioni politiche, ma di aspetti giuridici"

Neonato "fantasma" perchè figlio di due madri. La notizia della sentenza che impoone al Comune di Rovereto la trascrizione dell'atto di nascita del bimbo, nato fuori provincia, ha fatto il giro del web. Ora il Comune risponde nel merito, con alcune precisazioni.

Figlio di due madri: il neonato "non esiste"

Secondo il sindaco "l'atto di nascita non era trascrivibile secondo le leggi vigenti in Italia". Le stesse leggi in base alle quali, però, ill Tribunale ha accolto il ricorso dell'avvocato Alexander Schuster. La nota parla  di un "diniego tecnico", non ideologico. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco: "Non è stato negato alcunchè"

"Nessuna argomentazione politica o di merito, tanto meno una decisione ostativa del Sindaco, sono solo aspetti  tecnico-giuridici" si difende il Comune. Quanto alle conseguenze che la mancata trascrizione ha avuto nella vita della famiglia (maternità negata, così come l'asilo nido e la carta d'identità) palazzo Podestà specifica: "Nessuno ha negato alcunchè, semmai abbiamo dovuto attendere l'impugnazione dell'avvocatura dello Stato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento