Brennero: Austria vorrebbe usare l'esercito contro il traffico, colpa dei navigatori

Il Tirolo austriaco vuole intervenire con divieti temporanei sulle strade secondarie che i navigatori indicano agli automobilisti quando si formano code in autostrada

Brennero: Austria pronta ad usare l'esercito

La dura lotta contro il traffico secondario potrebbe passare addirittura per l'utilizzo dell'esercito. A combatterla il Tirolo austriaco, che ha l'intenzione di intervenire con divieti temporanei sulle strade secondarie. Nel mirino del governo i navigatori che indicano agli automobilisti percorsi alternativi quando in autostrada si formano lunghe code.

Esercito per impedire il traffico secondario

I militari potrebbero quindi essere schierati per controllare le uscite autostradali. Lo scrive Ansa, riprendendo la notizia diffusa da Tiroler Tageszeitung. A chiedere un intervento sono gli stessi abitanti della regione, che soprattutto nella Wipptal, la valle che collega Innsbruck con il Brennero, lamentano i pesanti disagi provocati dal transito degli automobilisti, che intasano anche  le strade che attraversano i loro paesini.

La giunta del land austriaco, formata da popolari e verdi, ha annunciato una mozione urgente che prevede la possibilità di chiudere le uscite autostradali per "garantire la sicurezza stradale" sulle strade secondarie. Un simile provvedimento è già in vigore a Salisburgo nei pressi del confine con la Germania al Walserberg. I controlli potrebbero appunto essere affidati all'esercito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020: in Trentino due tappe fondamentali, ed un passo inedito

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Gardaland: apre il parco acquatico Lego, ecco come sarà

  • Vino DOC contraffatto: perquisizioni in Trentino, blitz all'alba e sette arresti

  • Padre e figlio bracconieri denunciati in Val di Sole: stavano decapitando un cervo

  • Tragedia a Villazzano: anziana muore intrappolata nell'incendio

Torna su
TrentoToday è in caricamento