Al Muse due nuovi australopitechi: i nostri antenati di 3 milioni di anni fa

Un maschio ed una femmina, "parente" della famosa Lucy: si tratta di due copie identiche a quelle esposte al Museum of Natural History di New York

Due ricostruzioni di Australopitecine sono state collocate in questi giorni in modo permanente tra gli allestimenti del MUSE, dedicato all’evoluzione e nascita della vita. Un maschio ed una femmina, antenati della specie umana: Australopitecus afarensis è la specie alla quale appartiene anche la famosa Lucy, lo scheletro scoperto in Etiopia nel 1974.

I modelli sono la copia esatta di quelli presenti all’American Museum of Natural History di New York, realizzati sulla base delle impronte scoperte nel sito di Laetoli, in Tanzania, nel 1978. Australopithecus afarensis è una specie di nostri antenati vissuta in Africa più di 3 milioni di anni fa. 

L’exhibit è corredato da un interessante multimediale che contiene 5 interviste, realizzate ad altrettanti studiosi, in cui si parla di recenti esempi di aggiornamenti scientifici che hanno portato a sostanziali modifiche nel nostro modo di vedere l’evoluzione dell’uomo.

Potrebbe interessarti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Rientro dal Ferragosto: A22 da "bollino nero"

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Coppia di 40enni trentini nuda in un campo per fare sesso: multata

  • Incidenti, pauroso schianto moto-camper: motociclista portato via in elicottero

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Cosa fare Ferragosto: cultura, musica e buona cucina

  • Tragedia in alta quota, sbatte contro la parete e precipita: morta base jumper di 30 anni

Torna su
TrentoToday è in caricamento