A caccia senza licenza: gli era stata revocata per uso di armi illegali

Bracconiere recidivo sorpreso dai forestali in Val Calamento

Stava cacciando senza porto d'armi: la licenza gli era stata revocata in passato poichè era già stato sorpreso dalla forestale con armi clandestine, modificate secondo modalità che esulano dalle norme vigenti. L'uomo, un cacciatore della Valsugana, è stato dunque nuovamente segnalato all'Autorità giudiziaria e dovrà rispondere della sua condotta davanti al giudice.

Il fatto risale a qualche giorno fa, quando la Guardia Forestale ha messo in ato un controllo mirato in Val Calamento, dove il bracconiere è stato sorpreso su una torretta per la caccia agli ungulati insieme ad un parente. Quest'ultimo è stato segnalato per aver prestato due fucili al primo, ben sapendo che era sprovvisto di licenza. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto precipita nella scarpata: morta ragazza di 18 anni

  • Alla guida completamente ubriaca provoca incidente davanti ai carabinieri

  • Scivola e precipita in un dirupo: donna muore sotto gli occhi del marito

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Boscaiolo morto a Tione: è Paolo Valenti, papà di tre figli ed ex calciatore

Torna su
TrentoToday è in caricamento