Un anno fa la tempesta Vaia: la commemorazione a Trento

Due momenti ufficiali nel capoluogo per ricordare la tempesta che un anno fa devastò l'intero territorio trentino

E' passato un anno dalla notte che cambiò il volto delle montagne trentine. Quella che poi fu ribattezzata "Tempesta Vaia", con raffiche di vento a 200 chilometri orari, rase al suolo 20.000 ettari di foreste in provincia di Trento e provocò due vittime.

Ad un anno di distanza la Provincia autonoma di Trento annuncia due momenti ufficiali di commemorazione di quei tragici giorni. Sabato 26 ottobre si terrà una cerimonia organizzata in due momenti: alle 18.00 alle Gallerie di Piedicastello e alle 20.30, con la celebrazione di una messa da parte dell’Arcivescovo di Trento, Lauro Tisi, presso la Chiesa di S. Apollinare a Trento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La tempesta Vaia - sottolinea il presidente Maurizio Fugatti - ha messo alla prova la coesione e la capacità di risposta di tutta la nostra comunità. Questo è anche un modo per ricordare, nella giornata di sabato, le vittime e coloro che hanno subito danni a causa di Vaia, e dire nuovamente grazie ai numerosi trentini che, all’interno della nostra splendida macchina della Protezione civile, si sono prodigati per aiutare chi era in difficoltà”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: altri 7 decessi in Trentino. Nuova restrizione: "Non si esce dal Comune in cui ci si trova"

Torna su
TrentoToday è in caricamento