"Marketing più importante dell'ambiente, ci sentiamo presi in giro": la protesta degli ambientalisti contro la Provincia

Le associazioni sono critiche rispetto alle linee guida della Pat

Passo del Tonale (foto Ig/luca_battaini)

"Ci sentiamo presi in giro: in pratica i territori e l'ambiente vengono resi marginali, soggiogati a funzioni di marketing". Sono le parole di Luigi Casanova e Luciano Rizzi, portavoce del coordinamento delle associazioni ambientaliste del Trentino a commento del testo approvato dalla Giunta provinciale di Trento il 20 dicembre scorso, in tema di 'Valore dei territori e dell'ambiente nella prospettiva del marketing territoriale'.

Secondo gli ambientalisti il documento rappresenta un arretramento rispetto ai contenuti proposti dal gruppo di lavoro e manca di linee guida con riferimenti oggettivi per la valutazione degli eventi in quota, i parametri certi sui comportamenti da adottare in montagna e le norme di adeguamento ai criteri dell'Unione europea in tema di difesa dell'ambiente e aree protette.

La richiesta delle associazioni è quella di includere riferimenti ai territori delle Dolomiti Unesco e regole precise per l'utilizzo della bicicletta in quota e dei droni, oltre al divieto di grandi raduni motociclistici e spettacoli. Su quest'ultimo punto si è pronunciato anche il consigliere provinciale del gruppo Pdt, Alessio Manica, facendo notare come il prossimo 1 e 2 febbraio a San a San Martino di Castrozza, sull’Alpe Tognola nel Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino, avrà luogo il Suzuki 4×4 hybrid Vertical Winter Tour, dedicato ai veicoli 4x4 AllGrip e Hybrid della famosa casa automobilistica.

"L’evento - si legge in una nota del consigliere - cade a pochi mesi di distanza dal noto 'Jeep Camp', sempre sull’Alpe Tognola, che per stessa ammissione della Giunta provinciale aveva arrecato danni al patrimonio boschivo e prativo a causa della circolazione dei mezzi in aree non autorizzate. Cade inoltre a poche settimane di distanza dall’adozione da parte delle Giunta provinciale delle cosiddette 'Linee Guida per gli eventi in montagna', che a detta dell’Assessore Tonina avrebbero dovuto garantire un “compromesso equilibrato tra l’esigenza di garantire la fruizione turistica del territorio e la protezione dai danni causati dall’uomo”. Per questo motivo oggi ho depositato un’interrogazione alla Giunta provinciale per sapere se è a conoscenza dell’evento, se ha rilasciato autorizzazioni o elargito contributi, quali precauzioni sono state prese per evitare nuovi danni al patrimonio naturale collettivo e se l’evento è stato valutato alla luce delle nuove Linee Guida".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Limiti di velocità solo per le moto sulle strade di montagna

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento